logo

La Via Francigena

Nei secoli migliaia di pellegrini hanno percorso la via Francigena ( o Romea ) che da Canterbury, passando per Roma, conduceva gli stessi in Terra Santa; un itinerario ricostruito grazie alla testimonianza di Sigerico, arcivescovo di Canterbury, scritta a termine del suo viaggio nel X secolo.

Un percorso che dalle Alpi Valdostane attraversava la pianura Padana, valicava gli Appennini, passando quindi per la Toscana ed il Lazio. Qui, dopo avere superato Acquapendente prima e Viterbo poi, il percorso si biforcava sui due versanti del Lago di Vico, attraversando da un lato Ronciglione e la chiesetta di S. Eusebio, dall’altro i boschi di castagno nei pressi dell’Abbazia Cistercense di San Martino al Cimino, per arrivare a Vetralla ( che vede citata dallo stesso Sigerico la chiesetta di Santa Maria in Forcassi ).

Da lì, il percorso proseguiva verso Capranica, tangendo anche la nostra Tenuta, per poi toccare Sutri e Monterosi e quindi, abbandonata la Cassia per la Via Trionfale, procedere alla volta di Roma.

 

Guarda anche

 

La Via Francigena

Indietro